Questo sito o gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e per le finalità illustrate nella politica dei cookie.
Cliccando sul link "accetto" acconsenti all’uso dei cookie.
Scrum

Qualora il Progetto di Gamification necessiti di personalizzazioni della Piattaforma iEGP queste vengono realizzate utilizzando l'approccio Scrum per fornire velocemente le nuove funzionalità.

Scrum è un framework di gestione
per lo sviluppo incrementale dei prodotti che utilizza uno o più team interfunzionali auto-organizzati di circa sette persone ciascuno . E' basato su una struttura di ruoli, meeting, regole e artefatti. I team di sviluppo sono responsabili della creazione e adattamento dei processi all'interno del framework. Scrum utilizza iterazioni di lunghezza fissa, chiamate Sprint, che durano in genere da due a quattro settimane. Scrum permette di costruire release (adeguatamente testati ) incrementali del prodotto ad ogni iterazione.


L'approccio iterativo di Scrum supera il metodo tradizionale "waterfall" per la velocità di implementazione e rilascio di funzionalità e permette di avere feedback e di intervenire rapidamente per adeguare il processo di sviluppo.

I principali benefici dell'utilizzo dell'approccio Scrum si hanno nei progetti complessi che coinvolgono la creazione di nuova conoscenza e un'ampia collaborazione fra team (come nel caso dello sviluppo di nuovi prodotti). Scrum viene utilizzato normalmente nello sviluppo di sistemi software object-oriented.

Il framewok Scrum consiste di Team e ruoli, eventi, artefatti e regole associate. Ogni parte del framework assolve ad uno specifico scopo ed è essenziale per il successo del progetto. Le regole di Scrum collegano gli eventi, i ruoli e gli artefatti governando le relazioni e le interazioni fra di essi, sebbene le strategie di utilizzo del framework possono variare da caso a caso.

Lo sprint è un'unità di base dello sviluppo in Scrum ed è di durata fissa, generalmente da una a quattro settimane. Ogni Sprint è preceduto da una riunione di pianificazione in cui vengono identificati gli obiettivi e vengono stimati i tempi. Durante uno sprint non è permesso cambiare gli obiettivi, quindi le modifiche sono sospese fino alla successiva riunione di pianificazione, e potranno essere prese in considerazione nel successivo Sprint.

Al termine di ogni sprint il team di sviluppo consegna una versione potenzialmente completa e funzionante del prodotto, contenente gli avanzamenti decisi nella riunione di pianificazione dello sprint.

Nel corso di ogni sprint, il team crea porzioni complete di un prodotto. L'insieme delle funzionalità che vengono inserite in un determinato sprint provengono dal product "backlog", che è una lista ordinata di requisiti. La selezione di quali item del backlog verranno effettivamente inseriti nello sprint (a costituire l'obiettivo dello sprint o "sprint goal") viene effettuata durante lo sprint planning meeting. Durante questo meeting, il Product Owner comunica al team quali item del product backlog vorrebbe che fossero completati (quelli con più alta priorità). Il team determina quindi quanti di questi pensa di poter completare durante il prossimo sprint e registra questo dato nello sprint backlog.

Lo sprint backlog è di esclusiva proprietà del team di sviluppo, quindi durante uno sprint la modifica dello sprint backlog non è consentita a nessun altro ad eccezione del team di sviluppo. Lo sprint goal non dovrebbe essere cambiato durante lo sprint. Lo sviluppo è di durata fissa, in modo tale che lo sprint termini alla data prefissata; se i requisiti non sono stati completati per una qualsiasi ragione vengono esclusi dalla review e reinseriti nel product backlog, a discrezione del Product Owner.